Borse sotto gli occhi: trattamento laser

Proprio come la cellulite, anche le borse sono democratiche. Non importa quanto una persona sia magra o in forma o quanto si prenda cura di sé, talvolta stress e genetica mettono lo zampino ed ecco che attorno all’occhio ci troviamo a gestire un gonfiore localizzato. Spesso borse e occhiaie vanno di pari passo, costringendo le persone a cercare rimedi efficaci ma niente paura, ci sono dei trattamenti efficaci. Avete mai sentito parlare del laser per rimuovere borse sotto gli occhi? Continuate a leggere per saperne di più.

Quali sono le cause delle borse sotto gli occhi?

Le borse sotto gli occhi sono aree scure e gonfie della pelle, di solito intorno agli occhi. Sono causate da un accumulo di liquidi negli strati inferiori della pelle, sotto gli occhi. L’eccesso di liquidi è causato da una combinazione di fattori, tra cui la genetica, l’invecchiamento, la mancanza di sonno, una dieta scorretta e persino lo stress. Sebbene siano molto comuni, la maggior parte delle persone desidera eliminarle.

Le cause delle borse sotto gli occhi sono molteplici, tra cui la genetica, l’invecchiamento, la mancanza di sonno, una dieta scorretta, alti livelli di stress, allergie e alcune malattie.

Genetica – Le borse sotto gli occhi sono spesso ereditarie e si ritiene che siano causate dalla genetica. Se in famiglia ci sono persone con le borse sotto gli occhi, è più probabile che le abbiate anche voi. Le borse sotto gli occhi possono essere causate da una combinazione di genetica e invecchiamento.

Invecchiamento – Con l’invecchiamento, il nostro corpo produce meno collagene, una proteina che mantiene la pelle idratata ed elastica. La riduzione del collagene porta a una pelle più secca, che può causare cedimenti e borse sotto gli occhi.

Mancanza di sonno – Le borse sotto gli occhi possono essere causate anche dalla mancanza di sonno. Alcuni studi hanno dimostrato che la mancanza di sonno può portare a un aumento del cortisolo, un ormone che può causare ritenzione di liquidi.

Stress – Anche i livelli di stress più elevati possono provocare la comparsa di borse sotto gli occhi. Lo stress è stato collegato a un aumento dei livelli di cortisolo, che può portare a un aumento della ritenzione idrica, causando le borse sotto gli occhi.

Benefici del trattamento laser per le borse sotto gli occhi

Il trattamento laser è un modo molto efficace per ridurre l’aspetto delle borse sotto gli occhi. Agisce aumentando il flusso sanguigno nell’area, con conseguente riduzione dell’aspetto delle borse sotto gli occhi. Il trattamento laser è anche molto rapido e di solito viene completato in poche e brevi sedute. I vantaggi del trattamento laser per le borse sotto gli occhi sono numerosi, tra cui:

– Rapidità – Il trattamento laser è molto rapido. Molti trattamenti vengono completati in pochi minuti e viene ripetuto in poche sedute. Ciò può contribuire a ridurre l’inconveniente di dover sottrarre tempo al lavoro o alla scuola.

Basso rischio – Affidandosi a medici e specialisti del settore, il rischio eventuale di problematiche post trattamento o di inefficacia si abbassano e rasentano lo zero. È quindi importante non badare solo al risparmio ma affidarsi a veri professionisti.

Efficacia – È stato dimostrato che il trattamento laser è molto efficace nel ridurre l’aspetto delle borse sotto gli occhi. È ancora più efficace se si segue anche uno stile di vita sano.

Come eliminare le borse sotto gli occhi

Esistono diversi modi per ridurre o eliminare le borse sotto gli occhi, tra cui:

Una dieta sana – Un’alimentazione sana può contribuire a ridurre la comparsa delle borse sotto gli occhi. Alcuni studi hanno dimostrato che una dieta ricca di alimenti contenenti vitamina C, come arance, pomodori e broccoli, può contribuire a ridurre la comparsa delle borse sotto gli occhi. Altri alimenti utili per le borse sotto gli occhi sono le mandorle, l’avocado, le carote e il salmone. Una dieta sana e ricca di questi alimenti può aiutare a mantenere la pelle idratata, riducendo così la comparsa delle borse sotto gli occhi.

Dormire a sufficienza – Dormire a sufficienza può contribuire a ridurre la comparsa delle borse sotto gli occhi impedendo l’aumento dei livelli di cortisolo. Idealmente, gli esperti del sonno raccomandano di dormire tra le sette e le nove ore per notte. Tuttavia, la maggior parte delle persone, compresi molti medici, non dorme abbastanza. Se avete delle borse sotto gli occhi, potrebbe essere un segno che non dormite abbastanza.

Esercizio fisico regolare – L’esercizio fisico regolare è un altro modo per ridurre la comparsa delle borse sotto gli occhi e si ritiene che riduca i livelli di cortisolo. Inoltre, è stato dimostrato che l’esercizio fisico migliora la qualità e la quantità del sonno, il che può contribuire a ridurre la comparsa delle borse sotto gli occhi.

Uso di creme per il contorno occhi – L’applicazione di una crema per il contorno occhi arricchita con ingredienti come la caffeina e i peptidi può contribuire a ridurre la comparsa delle borse sotto gli occhi. È stato dimostrato che le creme per gli occhi riducono la comparsa delle borse sotto gli occhi, comprese quelle causate dalle allergie.

Utilizzo di maschere per il viso – L’applicazione di una maschera per il viso arricchita con ingredienti come la vitamina C può contribuire a ridurre la comparsa delle borse sotto gli occhi. Anche le maschere per il viso arricchite con caffeina e peptidi possono contribuire a ridurre l’aspetto delle borse sotto gli occhi. 

Aprire un centro estetista: cosa è bene sapere?

come diventare una estetista

Se ti stai chiedendo come diventare un’estetista questo articolo sarà pronto a rispondere al quesito al fine di intraprendere una carriera lavorativa di successo. Navigando su internet, infatti, i volumi di ricerca relativi alla parola chiave “come diventare estetista professionale” sono piuttosto elevati, indice che la richiesta è pressante e continua. Questo perché i saloni di bellezza sono una delle attività più redditizie. Esaminando i dati il settore globale della bellezza e del benessere dovrebbe raggiungere un valore di 485 miliardi di euro entro il 2025. 

Un mercato che sembra non vacillare neanche in periodi di crisi, come quello che stiamo attraversando ora. Se hai sempre sognato di avviare un’attività in proprio, sarai felice di sapere che per intraprendere la professione sono necessari un percorso di studi adeguato e molta pratica. Il processo di apertura di un centro estetico, tuttavia, non è mai semplice poiché ci sono diversi aspetti da considerare prima di lanciare una nuova impresa. Ma se il motore che spinge la tua energia è quella della passione, allora sei già a metà dell’opera. 

Come diventare estetista: il percorso didattico

Come diventare una estetista? Prima di poter aprire un centro estetista bisogna frequentare un percorso didattico formativo. Inoltre, il corso deve essere autorizzato dalla Regione di riferimento come quello proposto dalla Scuola Estetica BSA che fornisce corsi autorizzati dalla Regione Lazio. Solo la regione, infatti, può riconoscere la qualifica professionale di operatore delle cure estetiche.

La durata del percorso formativo si attesta sulle 1800 ore complessive che corrispondono a un biennio di studio. Al termine chi frequenta il corso riceverà un attestato valido a livello nazionale ed europeo dovrà e riceverà la qualifica di operatore delle cure estetiche solo al superamento dell’esame finale. Per poter aprire un centro estetico, però, sarà necessario intraprendere il terzo anno di studi, utile a conferire la specializzazione e l’abilità professionale.

Per avviare l’attività in proprio bisognerà poi iscriversi alla Camera del Commercio e la partita IVA, comunicare l’apertura presso gli uffici comunali della residenza fiscale e, infine, ottenere il permesso igienico-sanitario dell’ASL di riferimento. 

Il locale adibito a centro estetico dovrà anch’esso adempiere a delle formalità legislative che riguardano la presenza di due bagni, uno per lo staff e uno per i clienti, uno spogliatoio per i dipendenti, dei pavimenti e delle pareti lavabili, un sistema di aerazione naturale e ogni cabina di lavoro dovrà essere provvista di un lavamani.

Aprire un centro estetista: i passi da seguire

Aprire un salone è una decisione importante ed è fondamentale fare ricerche prima di iniziare il processo. Il modo migliore per assicurarsi che un centro estetista abbia successo è pianificare in anticipo scelte e scenari futuri. Il primo passo è comprendere e anticipare le tendenze in fatto di estetica e moda nella nostra zona. La domanda di alcuni servizi potrebbe aumentare nei prossimi anni, mentre la necessità di altri potrebbe diminuire. Conoscere quali sono i trattamenti più richiesti e quelli in ascesa darà già un’impronta proficua all’attività perché sarà in grado di rispondere a un’esigenza di mercato.

In pratica, si sta parlando di redigere un modello di business. Il modello di attività del salone più adatto alla tua situazione specifica dipenderà dalle capacità, dall’esperienza e dalle conoscenze del settore. Nonché dalla disponibilità di spazio e di capitale. A questo proposito va trovato un locale adatto a svolgere l’attività.

Si può decidere di trovare una sede propria o in affitto che sia vicina a dove vivono e lavorano i clienti qualora ne avessimo già a disposizione. L’ubicazione del salone è importante anche ai fini del branding. Il marchio del salone rappresenta l’immagine del nostro lavoro e dei valori che vogliamo trasmettere. Per questo va realizzato un marchio univoco e distinguibile che ti possa identificare in mezzo al marasma della concorrenza. A tal fine, potrebbe risultare utile aprire un sito web e un account sui social media.

Un altro fattore di estrema importanza è il personale da assumere. I dipendenti sono fondamentali per decretare il successo dell’attività. Dovrai scegliere se assumere professionisti qualificati o formare nuovi dipendenti. Entrambi gli approcci presentano dei vantaggi e degli svantaggi. Nel primo caso dovrai dedicare più tempo alla selezione dei candidati ma si risparmierà sui costi di formazione. D’altro canto, l’assunzione di nuovi dipendenti, consente di dedicare più tempo alla loro formazione, risparmiando sui costi di assunzione.

La Mesoterapia

La Mesoterapia: avete problemi di ritenzione idrica e non sapete come risolverli? Non preoccupatevi, esiste un trattamento di medicina estetica chiamato Mesoterapia che risolverà con un po’ di pazienza i vostri problemi.

Entrando nel dettaglio scopriamo che si tratta di un’iniezione intradermica distrettuale di un insieme di farmaci che viene eseguita in una particolare zona della pelle.

Come si esegue la Mesoterapia?

La cute sarà attraversata da aghi sottili lunghi 4mm, a prima vista sembra una cosa dolorosa ma gli esperti consigliano di praticare la Mesoterapia per eliminare più facilmente i liquidi in eccesso, favorendo la disintossicazione dell’organismo. Praticare questo trattamento migliora la tonicità della cute e può contribuire al benessere generale della persona.

La mesoterapia

La Mesoterapia può essere utile quando si hanno patologie di tipo veno-linfatica, adiposità distrettuali e alcune patologie dermatologiche. I farmaci che vengono iniettati all’interno della cute cambiano in base alle esigenze del cliente, possono essere tipo rivitalizzante o antiinfiammatori.

Durante il trattamento le sostanze ideali per aiutare a risolvere determinati disturbi causati dalle patologie, vengono diluite in una soluzione fisiologica associati a piccolissime quantità di anestetici. Prima del trattamento mesoterapia è necessaria una diagnosi accurata per verificare che la paziente non soffra di allergie più o meno gravi.

Durante la mesoterapia si sente dolore?

Non serve praticare anestesia perché contrariamente a come si crede la mesoterapia è un trattamento indolore. Nella zona trattata compariranno dei piccoli ematomi che tenderanno a riassorbirsi nell’arco di poco tempo. Una serie di  trattamenti, un ciclo completo di mesoterapia comprende dalle 8 alle 15 sedute che possono essere eseguite con frequenza settimanale.

Queste metodologie sono anche molto indicate in quei soggetti che per motivi vari non possono sottoporsi alla chirurgia, quindi possono giovarsi di questi trattamenti senza rischi per la salute. Il costante miglioramento dei prodotti usati e la scoperta di nuove sostanze, rendono questa tecnica molto efficace e fruibile da una larga maggioranza delle persone senza problemi.

Il costo di ogni seduta di mesoterapia varia di solito tra i 50 e gli 80 euro,

Ciglia tridimensionali le 3D lashes

Ciglia tridimensionali le 3D lashes: se siete stanche di ciglia corte e appiccicose a causa dei diversi mascara, magari non sempre di eccelsa qualità, allora una ottima alternativa potrà essere rappresentata dalle 3D Lashes.

Le ciglia “tridimensionali” sono ciglia leggere, morbide, flessibili e resistenti e flessibili, che sono pre-trattate con primer per un incollaggio ottimale.

Ciglia tridimensionali le 3D lashes
Ciglia Tridimensionali

Le ciglia finte in 3D sono disponibili in lunghezze che variano da 6mm – 15mm, spessori che variano da natural (15 mm) per spessore (0,2 millimetri) a volumizzante (25 mm), e possono essere acquistati in volumi piccoli o grandi.

Le 3D Lashes sono disponibili in tre stili di ciglia: standard – la “J” ricciolo, “C” curl, e “D” ricciolo. Il Curva J è dotato di una curvata su un lato in modo da riflettere il perfetto ricciolo “J”, dandogli l’aspetto di un ciglio naturale.

La Curva è una curva più drastica, ed è consigliata per l’aggiunta di ciglia extra e drame alla linea delle ciglia. La Curva D è un prodotto nuovo di zecca, uscito da qualche mese che fornisce ciglia naturali ma ben volumizzate, lo strumento ideale per la creazione di ciglia da urlo.

Le ciglia più grosse sono perfette per la donna che vuole un look più forte: si tratta di lashes che posseggono uno spessore extra per ciglio di 0,2 mm, e sono disponibili in più dimensioni (anche 8 mm). In genere, vengono applicate circa 180 ciglia per riga a per occhio.

Le finte ciglia con curva C hanno una linea più spessa e più fresca, e possono ben essere mescolate con le ciglia più lunghe e corte per raggiungere tutti gli obiettivi specifici e regalare uno sguardo intenso , ma naturale.

L’applicazione è relativamente semplice: è infatti sufficiente far corrispondere la base delle ciglia naturali alla curvatura della base del C-Curl. Un ciglio naturale che sia flessibile e in buone condizioni (non fragile, ecc) è un candidato desiderabile per qualsiasi estensione. Le ciglia si trovano in commercio di dimensioni pari a 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17mm.

Thermage il ringiovanimento temporaneo del viso

Il Thermage è un rivoluzionario metodo cosmetico progettato per assicurare, temporaneamente, un aspetto più giovanile del viso in modo facile e veloce. A differenza del lifting, i trattamenti di Thermage non richiedono incisioni o tempi di inattività.

Thermage il ringiovanimento temporaneo del viso
Thermage

Tale procedura è in grado di fornire un miglior aspetto del viso solo per brevi e medi periodi, contro gli esiti delle altre procedure, che possono garantire un ottimo risultato consolidato, anche per cinque o dieci anni dall’intervento. In merito, segnaliamo come i risultati dei trattamenti Thermage durino circa due anni.

Un arco temporale inferiore al lifting, ma pur sempre maggiore di quanto conseguibile mediante i filler iniettabili, quali collagene e grasso, che vengono utilizzati per migliorare il proprio aspetto estetico, e di quanto ottenibile con i comuni riempitivi cosmetici, che durano solo circa quattro – sei mesi. Ma come funziona il Thermage, e quali sono i vantaggi più comuni?

Quale funzione ha il thermage?

Ricordiamo anzitutto che, quando invecchiamo, il collagene che fornisce la struttura al nostro viso inizia a cedere. Come risultato, linee e rughe iniziano a formarsi sul nostro volto: di qui, la funzione essenziale del Thermage, che punta a stimolare la crescita graduale di nuovo collagene, riducendo almeno in via temporanea le rughe, e rinnovando i contorni del viso.

I vantaggi più comuni del Thermage includono una pelle più stirata e rinnovata e i contorni del viso ridefiniti. La procedura può infatti appianare le rughe, lasciando la pelle con un aspetto più giovanile.

Come si esegue il Thermage

I trattamenti di Thermage vengono effettuati attraverso un dispositivo specifico che stringe e solleva la pelle per appianare le rughe e ripristinare i contorni del viso.

Quando il dispositivo entra in contatto con la pelle, riscalda un grande volume di collagene in strati profondi della cute, e raffredda lo stato esterno, proteggendola. In tal modo le strutture profonde della pelle si rassodano, conferendo, all’esterno, un aspetto sano, una pelle liscia e un viso più giovane, questo è il thermage.

Banking del grasso cosa è e come funziona?

Si chiama banking del grasso e, probabilmente, diventerà uno degli interventi più desiderati della prossima stagione di chirurgia estetica e di medicina plastica.

Ma cosa è il banking del grasso? E perché questa tecnica si sta sviluppando così rapidamente negli Stati Uniti, dove vip e non-vip alimentano le “banche” del grasso? Cerchiamo di saperne di più in questo nostro approfondimento, alla scoperta di una innovativa tecnica di medicina estetica che promette di riservare innumerevoli vantaggi ai suoi utilizzatori.

Partiamo da una definizione sintetica: il banking del grasso consiste nel prelievo del grasso in eccesso dalle zone critiche del nostro corpo, finalizzato a ridistribuirlo nelle zone che invece necessitano un ritocco più o meno invasivo.

Come funziona il banking del grasso

L’operazione può essere effettuata proprio attraverso il “deposito” di grasso, riempitivi naturali realizzati con l’adipe in eccesso dello stesso paziente, che viene aspirato e congelato (oltre che trattato con specifici impianti) per poter poi essere utilizzato per finalità estetica (e funzionali) nel momento desiderato.

Banking del grasso cosa è e come funziona?

Attraverso il banking del grasso, pertanto, il paziente può scegliere di conservare nel tempo il proprio grasso, potendo scegliere di usarlo mesi o anni dopo: fino ad oggi, invece, il grasso estratto mediante interventi di liposuzione doveva essere immediatamente utilizzato in trattamenti di lipofilling attraverso delle iniezioni contemporanee.

Con il banking l’adipe in eccesso viene custodito in apposite banche dati per poi essere utilizzato in futuro per aumentare il volume del seno o del… lato b. Il tutto senza alcun rischio di rigetto, di intolleranza o di reazioni allergiche. Una sorta di filler gratuito e naturale, per chi desidera evitare ogni tipo di trauma post intervento.

Stabilito quanto sopra, cerchiamo di approfondire in che modo viene effettuato l’intervento di banking del grasso, e quali siano i suoi costi. Il procedimento avviene mediante la più nota crio conservazione in vapori di azoto libero a una temperatura vicino ai – 200 gradi.

Quando invece il paziente sceglierà di utilizzare l’adipe inserito in banca, per esempio per procedere all’ingrandimento del volume del seno, le cellule adipose saranno soggette a un processo di scongelamento, utile per poter poi essere introdotte nuovamente nel corpo. Una volta iniettate, occorrono almeno 20 giorni affinchè le cellule staminali introdotte con quelle adipose possano essere attivate e possano così iniziare a riprodursi.

L’intero processo non ha una durata significativamente maggiore a quella degli altri interventi, avendo un’estensione temporale presunta tra i 20 e gli 80 minuti, oltre ai tempi necessari per procedere all’opportuna preparazione pre-intervento e alla successiva medicazione post-operazione. Il paziente passa poi attraverso una camera di riposo dove rimarrà qualche ora, prima di lasciare il centro di medicina estetica.

Un ritorno a breve distanza presso l’ospedale o la clinica dove è stato effettuato l’intervento, è necessario per poter procedere alla sostituzione dei bendaggi e ai controlli della buona riuscita dell’operazione.

Perchè usare la tecnica del banking del grasso?

Come abbiamo già avuto modo di ricordare, la tecnica del banking è proficuamente utilizzata anche per motivi funzionali, e non solamente estetici. Dal tessuto adiposo è infatti possibile trarre delle cellule staminali che possono risultare estremamente utili per poter intervenire su deformità anatomiche, su ferite o ancora su traumi derivanti da ustioni e da piaghe, oltre a supportare la risoluzione di patologie tumorali.

Considerando che il livello di rischio e di controindicazione è pressochè immune, è probabile che il banking possa trovare ampia diffusione anche nel nostro mercato, nel corso dei prossimi anni.

Anche l’aspetto del pricing, che potrebbe in parte scoraggiare il ricorso all’ intervento tramite l’uso di banking del grasso, sembra essere piuttosto modesto rispetto ad altre operazioni, aggirandosi tra i 2 mila e i 5 mila euro (a seconda della mole di adipe estratta) per un periodo di conservazione di cinque anni.